I buoni propositi per l’Anno che verrà

Ogni nuovo inizio porta con sé l'intenzione di migliorare alcuni aspetti della propria vita.Certi momenti della vita ci trovano particolarmente inclini a compiere dei bilanci e a ripensare a ciò che vogliamo nella nostra vita. La conclusione di un anno e l’inizio di uno nuovo è tipicamente uno di questo momenti, e molte persone formulano i cosiddetti “buoni propositi”. Qualunque siano i vostri propositi, la psicologia ha qualcosa da dire in merito.

Nel lontano 1958 McClelland condusse una famosa serie di esperimenti con dei bambini, ai quali veniva richiesto di eseguire un compito di abilità. Il compito consisteva nel lanciare degli anelli in modo da infilarli su un piolo posto a una certa distanza e i bambini erano liberi di scegliere a quale distanza mettersi per lanciare. Questa variabile fu osservata da McClelland e lo condusse a trarre alcune interessanti conclusioni.

Continue Reading

San Valentino alimenta i pregiudizi

Cupido, il dio dell’amore, corrispondente al dio greco Eros

Che siano anniversari privati o feste socialmente condivise, le ricorrenze stimolano quasi inevitabilmente in noi pensieri ed emozioni. Ma proprio a causa della combinazione di questi due elementi – pensiero ed emozione -, spesso il primo non riesce a dispiegarsi e rimane invece impigliato in luoghi comuni o pregiudizi.

San Valentino si approssima, e mentre molte coppie augureranno ai loro amici single di trovare un partner, molti single penseranno con dispiacere alla perdita della libertà degli amici accoppiati.
In generale il sentirsi stabilmente agganciati in un sistema sociale porta a razionalizzare e a giustificare questa scelta. Una serie di ricerche sullo status relazionale, di prossima pubblicazione su Psychological Science, conferma che difficilmente le persone si accontentano di affermare che essere single (o in coppia) sia una condizione adatta alla propria personalità ma, piuttosto, idealizzano il proprio stile di vita e ritengono che dovrebbe essere una norma valida anche per gli altri. Questo convincimento si rivela ancora più forte se si ritiene che un cambiamento nel proprio status relazionale sia improbabile. read more

Continue Reading

Avviso importante! Falso profilo su guidapsicologi.it

Gentili navigatori,

ho scoperto da poco che il sito guidapsicologi.it ha inserito un annuncio nel suo elenco utilizzando il mio nome e predisponendo un modulo di contatto. Desidero informarvi che non ho mai autorizzato il sito guidapsicologi.it a trattare i miei dati personali e che eventuali richieste a me indirizzate non mi vengono inoltrate tramite quel sito ma finiscono nelle mani di chissà chi.
Si tratta in effetti di un profilo falso e non autorizzato.

Mi sto attivando per tutelare la mia professionalità e gli utenti, nel frattempo vi invito caldamente a contattarmi esclusivamente attraverso questo sito oppure tramite le mie schede correttamente inserite su elencopsicologi.it e psicocittà.it.

Se siete arrivati su questa pagina dopo aver già scritto a guidapsicologi.it, vi prego di informarmi più dettagliamente possibile dell’accaduto inviando una mail a info@psicologiatrieste.it.

Continue Reading

Un giorno di ordinaria lotteria

Un articolo del Corriere Motori online presenta un’interessante iniziativa anti traffico:
Non usi l’auto all’ora di punta? Vinci un premio in denaro

Ricordate Un giorno di ordinaria follia? Michael Douglas interpreta il ruolo di un uomo qualunque, alle prese con i problemi che tante persone vivono, che si trova imbottigliato in un ingorgo di traffico pazzesco. E’ quello il fattore scatenante della follia che lo porterà a un susseguirsi di azioni violente che seminano sangue e terrore e che culminano con la ricerca della propria morte.
Senza arrivare a questi eccessi, molti di noi vivono quotidianamente lo stress causato dal traffico, dagli ingorghi e dalle difficoltà di parcheggio. In quasi tutte le città, le amministrazioni hanno cercato di combattere il traffico varando norme punitive per gli automobilisti, dai ticket di ingresso ai centri delle città a tariffe più alte per chi usa l’auto nelle ore di punta. Questi sistemi, applicati in grandi città come Londra, Sidney e Stoccolma, non solo hanno fallito l’obiettivo ma hanno anche creato malumori negli automobilisti. Forse per gli amministratori delle città è difficile pensare in questi termini, tuttavia l’aggressività correlata al traffico è un grave problema e non è certo una buona idea esasperare chi è già sotto stress. read more

Continue Reading

Come NON avvicinare un cane

I cani hanno sempre ragione. Essi decodificano qualunque situazione in modo infallibile, certo, secondo la psicologia canina che non coincide necessariamente con quella umana. In questi casi si insinuano delle divergenze di vedute che possono portare a un aggressione.

L’aggressività dei cani dipende da molti fattori, quali ad esempio le condizioni della madre durante la gestazione, la gestione del cucciolo nella fase neonatale, l’età dello svezzamento, le esperienze dell’animale durante la fase di socializzazione, la dieta, l’esercizio fisico, la genetica e le tecniche di apprendimento basate sulla punizione attiva durante l’età adulta. Tuttavia, il comportamento aggressivo deriva anche dalla presenza di patologie e dolore nel cane.

Un recente studio ha rilevato che i problemi di aggressività improvvisa in cani che non lo sono mai stati possono essere collegati alla presenza di dolore, in particolare causato dalla displasia dell’anca.
La displasia canina dell’anca colpisce più del 40% di Golden Retriever, Labrador e Rottweillers ed è una malattia delle ossa ereditaria e degenerativa che colpisce il giunto di collegamento tra l’anca e la testa del femore. In generale, può colpire qualsiasi razza di cane di grandi dimensioni, ed è meno frequente è piccole razze.
Il nuovo studio suggerisce che il dolore prodotto dalla displasia dell’anca è un fattore chiave nel rischio di diventare aggressivi per cani di grossa taglia.
Il problema si verifica quando il cane sperimenta periodi di dolore lieve e la malattia non viene diagnosticata in tempo: se l’animale viene manipolato quando prova dolore, reagirà rapidamente in modo aggressivo anche verso il proprietario al fine di evitare ulteriori disagi. read more

Continue Reading