Winter Blues, la depressione di stagione

Giornate più corte, mattine con risvegli al buio, temperature più basse, cielo nuvoloso sono gli ingredienti di un cocktail che può portare alla depressione durante l’inverno. Molte persone vivono con difficoltà questo periodo dell’anno, e la depressione stagionale è stato recentemente riconosciuta dalla comunità scientifica tra i disturbi dell’umore includendo il nomenclatore “a pattern stagionale” nell’ultima edizione del DSM – il Manuale Diagnostico Statistico che cataloga le malattie psichiatriche.

I sintomi del disturbo includono ansia, depressione, diminuzione dell’interesse in quasi tutte le attività che prima davano piacere, ritiro sociale, insonnia o eccessiva sonnolenza, cambiamenti dell’appetito, aumento di peso, affaticamento, difficoltà a concentrarsi e a prendere decisioni.

Le cause

Vi sono due aspetti da considerare nella genesi di questo disturbo, uno fisiologico e uno psicologico.

La ricerca ha determinato in maniera piuttosto chiara che la carenza di luce solare provoca delle modifiche a livello di funzionamento biochimico. I nostri ritmi biologici sono regolati in gran parte dall’alternarsi di luce e buio. Con la prevalenza del buio, diminuisce la secrezione di melatonina da parte della ghiandola pineale, e questo può avere un impatto diretto sul sonno e altre funzioni fisiologiche.
La luce inoltre è essenziale per la conversione a livello cutaneo della vitamina D, la cui presenza nell’organismo è fondamentale per la salute ossea ed è molto probabilmente correlata anche all’umore, in quanto coinvolta nella produzione di serotonina. read more

Continue Reading

Psicoterapia e denaro

SEGNALAZIONE

Nell’articolo del corriere della sera Veneto si parla di una psichiatra che ha evaso il fisco in ordine di oltre un milione di euro in 4 anni. Nell’articolo però vengono chiamati in causa gli psicologi, come se il medico in questione fosse una psicologa. Il tutto farcito da confusioni di professioni come psichiatra, psicologo e analista (non so ..forse il giornalista dotto voleva dire psicanalista).
Insomma tutto un fiorire di imprecisioni e disinformazione, invitando inoltre i lettori a rivedere se sia il caso o meno di rivolgersi all’intervento degli psicologi, visto che sono evasori del fisco. Credo sia grave quello che dichiara questo incauto giornalista e meriti anche una segnalazione all’Ordine degli psicologi del Veneto.

Susanna Murray

ARTICOLO ORIGINALE

La psichiatria delle tasse

COMMENTO REDAZIONALE DI GABRIELLA ALLERUZZO

Il tema del pagamento in terapia rientra in quello più ampio del setting ed è stato trattato seriamente dal punto di vista teorico a partire dagli albori. Freud ha introdotto il principio del “noleggio dell’ora” come strumento necessario, in quanto “senza di che le resistenze dell’inconscio troverebbero una sin troppo facile via di scarica”. read more

Continue Reading

Gli psicologi aprono un negozio

SEGNALAZIONE

Spettabile Osservatorio,
guardate cosa mi ha inoltrato un mio amico.
http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/11_novembre_11/psicologo-centro-commerciale-1902125720791.shtml
Io lo trovo raccapricciante. Non credo che si faccia così la psicoterapia accessibile a tutti. Che vergogna.

Lettera firmata

COMMENTO REDAZIONALE DELLA DR.SSA GABRIELLA ALLERUZZO
L’articolo segnalato (che non riproduciamo per rispetto del copyright) annuncia l’apertura di un negozio di psicologi in un centro commerciale di Milano, e introduce un argomento che non è banale come sembra.
E’ un dato di fatto che la disoccupazione o la sottooccupazione degli psicologi è quantitativamente consistente. Ancora 3 anni fa l’Osservatorio aveva lanciato un allarme sulla clamorosa assenza di una politica professionale in presenza, invece, di un numero di psicologi – tra iscritti all’Albo e in formazione nelle Università – chiaramente sovradimensionato rispetto alle possibilità di assorbimento da parte del mercato del lavoro, quanto meno in campo clinico. Da allora, se la situazione è cambiata non è certo migliorata. Nel più grande ateneo italiano, Psicologia è confluita a Medicina e con la finanziaria 2011 pare si voglia estendere l’obbligo degli ECM (Educazione Continua in Medicina) agli psicologi. Una professione quindi che sembra assumere con sempre maggior connotazione il profilo sanitario, quello più logoro, anche se gli ambiti di applicazione della psicologia sono potenzialmente moltissimi.
Da questo punto di vista, le iniziative che mirano a inserire maggiormente gli psicologi nel tessuto sociale sono interessanti e meritano un’osservazione ravvicinata, evitando giudizi affrettati. read more

Continue Reading

Gli esperti di salute mentale si chiedono: resterà qualcuno normale?

Traduzione di Gabriella Alleruzzo

Un’edizione aggiornata di quella che per i medici rappresenta la bibbia della salute mentale potrebbe includere diagnosi per “disturbi” come capricci infantili e abbuffate, e gli esperti affermano che presto nessuno potrebbe più essere classificato come normale.

I principali esperti di salute mentale hanno organizzato un incontro martedì per segnalare che la nuova edizione del Manuale Diagnostico Statistico per i Disturbi Mentali (DSM), attualmente in revisione per una nuova versione aggiornata nel 2013, potrebbe sminuire la gravità della malattia mentale e giungere ad etichettare quasi chiunque come portatore di una qualche forma di disturbo.

Citando esempi di nuove aggiunte, come “lieve depressione ansiosa”, “sindrome da rischio di psicosi”, “disturbo della regolazione dell’umore”, essi affermano che molte persone precedentemente viste come perfettamente sane potrebbero in futuro sentirsi dire di essere malate.

Si tratta di un’operazione che intacca il costrutto di normalità. Si sta riducendo all’osso la gamma di comportamenti ritenuti normali,” ha affermato Til Wykes dell’Istituto di Psichiatria del Kings College di Londra. read more

Continue Reading